DIRITTO CAMERALE: DAL 2015 IL VERSAMENTO SARA’ RIDOTTO DELLA META’

26.06.2014 21:59

Buone notizie giungono per tutti i contribuenti che annualmente versano alla Camera di Commercio il famoso “diritto camerale”.

L’art. 28 del D.L. 24 Giugno, n. 90, rubricato “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli Uffici giudiziari”, di recente pubblicato in Gazzetta Ufficiale, recita testualmente: “..a decorrere dall’esercizio finanziario successivo all’entrata in vigore del presente decreto, l’importo del diritto annuale a carico delle imprese, di cui all’art. 18 della Legge 29 Dicembre 1993, n. 580, è ridotto del cinquanta per cento.”.

Il disposto della norma è molto chiaro, nel senso che, il beneficio della riduzione dovrebbe aver inizio dal versamento relativo all’anno 2015, se si considera che il presente decreto dovrebbe trasformarsi in legge il 23 agosto prossimo.

Per quanto riguarda, invece, il profilo dei soggetti interessati da tale provvedimento, la norma sembra riferirsi, indiscriminatamente, a tutti i soggetti tenuti al versamento del diritto camerale, compresi coloro ai quali non è possibile “cucire” la qualifica di impresa, così come previsto dalla norma del citato decreto.

Ci riferiamo a quei soggetti, come associazioni, fondazioni, ecc., per cui non vige l’obbligo di iscrizione nel registro delle imprese, ma unicamente nel Repertorio Economico Amministrativo, c.d. REA.

E’ inutile dire che la misura varata dal Governo non è stata ben digerita dalle Camere di Commercio, già pronte sul piede di guerra per impedire la conversione in legge del provvedimento governativo.

Le critiche riguardano l’impossibilità, dovuta alla riduzione dei loro introiti, di garantire la regolare attività di promozione economica del territorio a livello locale, e le attività dirette alla formazione e all’aggiornamento professionale, che da sempre caratterizzano l’ente in questione.

Si attendono sul punto accese discussioni, che, tutti ci auguriamo, non impediranno sicuramente la riduzione del tributo.  

                                                                                                                                                                                             Dott. Daniele Brancale

                                                                                                                                                                                                        Danyb87@live.it

Indietro